Rinominare il Donald J. Trump State Park in Pete Seeger State Park

Indipendentemente dall’affiliazione al partito politico, i Donald J. Trump State Park a Yorktown e Putnam Valley, NY, sono stati crivellati di polemiche molto prima che diventassero parchi e molto prima che Trump scegliesse di candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti.

Dal giorno in cui sono stati dedicati, il Donald J. Trump Park(s) hanno attirato aspre critiche non solo dai cittadini dello Stato di New York, ma dalle persone che vivono nelle città in cui si trovano i parchi. In queste due città, il nome Donald J. Trump non è celebrato. Le comunità hanno combattuto lo sviluppatore miliardario a lungo e duramente per impedire non uno, ma due, campi da golf d’élite all’interno di miglia l’uno dall’altro. I campi da golf avrebbero gravato pozzi d’acqua privati e ciascuno aveva il potenziale per danneggiare l’acqua potabile di New York City perché si sedevano nella zona del bacino idrico di New York City. Donald J. Trump e il suo team di avvocati erano aggressivi, spietati e maleducati nella sua campagna per trasformare quei grandi blocchi di terra in campi da golf. Quando è diventato ovvio che stava perdendo, lui e il suo team hanno promesso di ferire coloro che hanno parlato contro il progetto e che hanno bloccato con successo il suo piano di sviluppo. Ha fatto come ha promesso e ha preso la proprietà fuori i rotoli fiscali di entrambe le città per mezzo di trasformare la terra verso lo stato come parco. Il risultato è stato che entrambe le città hanno subito una perdita di entrate fiscali. Questo andava bene con la gente locale perché la gente dello stato poteva usare questa terra liberamente, o così pensavano.

Donald J. Trump non è ben voluto in questo settore. Anche il suo “dono” è stato orchestrato per massimizzare le sue agevolazioni fiscali. Molti addirittura mettono in dubbio il valore che ha messo sulla proprietà quando si prende quella pausa, eppure lo Stato di New York lo ha onorato nominando i parchi dopo di lui.

Nominare un parco dopo una persona vivente, in particolare uno di ricchezza e potere ricorda come i dittatori chiamano i parchi dopo se stessi. Il nostro NSW National Parks and Wildlife Services ha una politica di denominazione che dovrebbe essere adottata da tutti i governi statali e locali. Si legge:

  • 6. I parchi, le caratteristiche e le strutture non devono essere nominati da persone viventi (ad eccezione dei nomi delle strutture attualmente già riconosciuti dalla comunità locale). Essi possono essere chiamati solo dopo una persona deceduta per commemorare una persona che ha contribuito in modo significativo al parco o località in cui si trova la struttura, come ad esempio un esploratore, scienziato o ambientalista, o una persona aborigena conosciuta dalla località del parco. La precedente proprietà del terreno non è di per sé motivo per l’applicazione del nome del proprietario a un parco o a una struttura.

Recentemente, abbiamo perso Pete Seeger un cantante folk americano, attivista nato a Patterson NY e che aveva una dedizione a questa regione. È stato fortemente coinvolto nella protezione del fiume Hudson e del nostro spazio verde riunendo la comunità umana per proteggere, rispettare e godere del nostro ambiente. Non possiamo pensare a una persona migliore più meritevole di avere un parco statale che porta il suo nome di Pete Seeger.

Si prega di unirsi a noi, non solo sostenendo BILL NO S06298 (lo stesso di) A08645, ma anche rinominando questi due parchi il Pete Seeger State Park.

Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.