Danspace Project

Performed in-progress come parte della piattaforma del progetto Danspace 2015: Dancers, Buildings and People in the Streets, Incarnations è costituito da una serie di studi su dancing with science. Basato sulla collaborazione di Emily Coates con la fisica delle particelle Sarah Demers, il pezzo si muove tra lezione e performance, intrecciando fonti divergenti, dall’estetica della danza Apollo e postmodernista di Balanchine al corpo sfuggente di Sir Isaac Newton e alla scoperta rivoluzionaria del bosone di Higgs.

Il pezzo illumina lacune umoristiche e intuizioni sorprendenti come ogni disciplina fatica a immaginare l’altro. Anche i momenti in cui il dialogo interdisciplinare deve necessariamente interrompersi producono alcune delle poetiche più efficaci. Giocoso e serio, Incarnations celebra la fisica e la danza come partner uguali nel nostro profondo sforzo per comprendere la nostra esistenza.

I fisici possono spiegare il quattro per cento dell’universo. Il novantasei percento rimane sconosciuto. Incarnazioni indugia sia sul noto e l’inconoscibile, e restituisce la conoscenza alla forma umana-casting, in sostanza, che arriva a giocare dio.

La performance di giovedì 16 marzo sarà seguita da una discussione moderata da Douglas Crimp.

Interpreti: Emily Coates, Sarah Demers, Lacina Coulibaly, Iréne Hultman, Jon Kinzel, Will Orzo; apparizione speciale di Yvonne Rainer
Luci: Carol Mullins
Direzione musicale: Will Orzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.