Center Times Plus

A marzo, Erica Ogwumike, allora senior della Rice University, ha avuto una decisione importante da prendere sul suo futuro.

Erica, che era un giocatore di basket stella e nominato Conferenza USA Player of the Year due volte, era stato accettato in otto scuole di medicina. UT Southwestern è stata una delle sue scelte migliori, non solo per la sua forte reputazione accademica, ma perché il comitato di ammissione l’ha fatta sentire come se il suo background come atleta studente fosse una risorsa, ha detto.

“L’ho preso in considerazione perché mostra la diversità che la scuola vuole e mi sono sentito molto accolto a causa di ciò”, ha detto.

” Dopo tutto quello che è successo quest’anno, sono diventato super appassionato di voler diventare accreditato in molte aree e possedere un posto al tavolo di organizzazioni che hanno tradizionalmente lasciato fuori le persone che assomigliano a me. Voglio anche aiutare ad amplificare le voci di persone che hanno fatto la missione della loro vita per correggere le disparità razziali in medicina e altrove.”

Poi, ad aprile, il suo processo di pianificazione della carriera si è complicato con alcune notizie inaspettate ma entusiasmanti. Fu arruolata nella WNBA dai New York Liberty, prima di essere ceduta ai Minnesota Lynx lo stesso giorno.

“Stavo pianificando la mia vita come se il basket fosse finito”, ha detto. “Stavo facendo domanda per la scuola di medicina e intervistando tutta la mia stagione di basket. Così, quando sono stato arruolato nel mese di aprile, è stato sorprendente.”

Erica era circondata dai suoi genitori e da tre sorelle maggiori mentre il suo nome veniva chiamato in TV. Il progetto di annuncio è stato reso ancora più speciale perché le sue due sorelle più grandi, Nneka e Chiney Ogwumike, sono giocatori WNBA per le Los Angeles Sparks.

Mentre l’eccitazione iniziale si stabiliva, Erica aveva ora una decisione unica da prendere: scegliere tra la scuola di medicina, a cui stava lavorando sin dal suo secondo anno di college, o unirsi alle sue sorelle come giocatrice di basket professionista.

Orologio: Erica condivide la sua storia UT Southwestern

Non si era ancora impegnata in nessuna scuola di medicina, quindi ha dovuto dare la notizia ai comitati di ammissione delle scuole che stava prendendo in considerazione. Ha detto UTSW fatto fare così facile.

“UT Southwestern era così favorevole. Sono stati la prima scuola a congratularsi con me per entrare nella WNBA, mi ha incoraggiato a prendere in considerazione le mie opzioni, ed erano come, ‘Stiamo andando a lavorare fuori.”Quindi sapevo che questo era il posto per me”, ha detto.

Possedere un posto al tavolo

Mentre era sempre sua intenzione andare alla scuola di medicina, dopo essere stata arruolata Erica ha detto che voleva ancora sapere se poteva fare il roster della Lince. Una tipica stagione WNBA va dalla tarda primavera alla fine dell’estate, quindi potenzialmente avrebbe potuto gareggiare per una stagione prima di iniziare il suo primo anno di scuola medica. Ma la pandemia di COVID-19 ha ritardato il campo di addestramento e la stagione 2020. In sostanza, che ha preso la decisione di optare per la WNBA per lei.

Ora, mentre si allena per un futuro professionale molto diverso, Erica ha detto che gli anni trascorsi ad allenarsi come giocatore di basket hanno contribuito ad affermare la sua scelta. Al college, ha ombreggiato i medici del Texas Medical Center e ha scoperto alcuni paralleli tra sport e medicina.

“Penso di amare la multidimensionalità della medicina. Quando ho ombreggiato i medici, ho visto come sono coinvolti nella politica, nell’istruzione, nella correzione delle disparità sanitarie e nel miglioramento delle questioni sociali – tutte queste cose che voglio fare. E tutti devono lavorare insieme e con altri professionisti come una squadra e devono comunicare bene. Ero come, ‘ Wow, questa è una grande squadra di basket. Lo faccio da tutta la vita.'”

Crescendo a Cypress, vicino a Houston, Erica ha iniziato a giocare a basket come preteen insieme alla sua terza sorella maggiore, Olivia, che ora sta lavorando per il suo MBA alla Rice. Le due figlie più giovani di Ogwumike sono state influenzate dalle sorelle maggiori Nneka e Chiney, che hanno iniziato la tradizione di famiglia in questo sport.

Gruppo di sei persone sul campo da basket, tenendo il trofeo e sorridendo

A marzo, Erica celebra la vittoria del campionato USA Conference della Rice University con la sua famiglia.

Una volta al liceo, Erica ha detto che è diventato importante per lei essere brava nello sport in modo da poter guadagnare una borsa di studio come i suoi fratelli avevano fatto. Nneka e Chiney erano compagni di squadra alla Stanford University, mentre Erica e Olivia erano compagni di squadra alla Rice.

” Il nostro amore per il basket è venuto da noi facendo come sorelle. Penso che ci siamo sentiti come noi stessi a farlo, e siamo stati in grado di usarlo come piattaforma per diventare esseri umani più versatili”, ha detto Erica.

Ora come studente di medicina, Erica continua a usare le sue sorelle come modelli di ruolo. Nneka e Chiney fungono da presidente e vice presidente dell’unione dei giocatori della WNBA, ed Erica ha detto che ammira il modo in cui usano la piattaforma per affrontare le questioni relative all’ingiustizia razziale, che i giocatori della WNBA hanno parlato collettivamente e hanno dedicato questa stagione alle iniziative di giustizia sociale. Come donna nera e aspirante medico, Erica spera di usare la sua carriera per migliorare le disparità razziali nell’assistenza sanitaria.

“Chiney una volta ha detto che è difficile per un atleta non preoccuparsi della persona che è l’ultima in panchina tanto quanto la persona che è la prima in panchina, quindi penso che gli atleti abbiano naturalmente il coraggio di parlare ed educare durante periodi come questi.”

Erica, che sta considerando la dermatologia o la medicina dello sport come specialità, vuole anche guadagnare il suo MBA attraverso il programma M. D./MBA di UTSW, uno sforzo congiunto con la Naveen Jindal School of Management di UT Dallas. Mentre a Rice, ha internato nell’ufficio del Presidente e sviluppato un interesse per la leadership esecutiva pure.

“Spero che un MBA mi aiuti a capire come incorporare quelle abilità come medico”, ha detto. “Dopo tutto quello che è successo quest’anno, sono diventato super appassionato di voler diventare accreditato in molte aree e possedere un posto al tavolo in organizzazioni che hanno tradizionalmente lasciato fuori le persone che assomigliano a me. Voglio anche aiutare ad amplificare le voci di persone che hanno fatto la missione della loro vita per correggere le disparità razziali in medicina e altrove.”

Olympic dreams

Erica, un’estroversa auto-descritta, ha detto che le piace tenersi occupata. Come undergrad si è laureata in scienze della salute, studi politici e spagnolo. Anche se ha trovato un modo per essere occupato con successo come undergrad, ha detto in poco tempo che ha notato la netta differenza tra il college e la scuola di medicina. “Finora la parte più difficile è stata probabilmente imparare che non si può imparare tutto in un giorno. Il volume di informazioni è immenso, e penso di aver dovuto imparare che si può fare solo così tanto in un giorno.”

Tuttavia, rimane impegnata a trovare un modo per bilanciare tutte le sue passioni, incluso il basket. Erica è stata invitata a provare per la squadra nazionale nigeriana, che gareggerà nelle Olimpiadi estive 2021 rinviate a Tokyo. Mentre lei è nata in Texas, Erica ha diritto a far parte del team dal momento che i suoi genitori sono nativi della Nigeria.

Donna in uniforme da basket, in possesso di basket

Erica sta continuando la sua formazione di basket, mentre nella scuola di medicina e spera di provare per la nazionale nigeriana con l’obiettivo di giocare nel 2021 Olimpiadi estive. Foto per gentile concessione: Rice Athletics

Da quando ha iniziato la scuola di medicina, ha continuato 5 am allenamenti e si allena con un allenatore WNBA fino a due volte a settimana.

” Ho sempre avuto un sogno di giocare per la squadra nazionale nigeriana un giorno, quindi i tempi di questa opportunità hanno funzionato bene con la scuola di medicina, che rimane il mio no. 1 priorità”, ha detto. “Sarà difficile bilanciare entrambi, ma ho intenzione di rimanere in forma e continuare i miei allenamenti con l’obiettivo di competere la prossima estate.”

Nel frattempo, mentre continua il suo viaggio verso diventare un medico, Erica ha detto che spera che le sue esperienze possano fornire ispirazione ad altri che aspirano ad affrontare la sfida della scuola medica.

” Se sono un piccolo esempio per altri atleti che non sanno se possono bilanciare scuola e sport, donne o bambini che mi assomigliano, o forse come qualcuno che è entrato nella scuola di medicina in modo non convenzionale, sarebbe davvero un risultato per me.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.